La nuova stampante 3D. Cosa potrete chiederci ora?

La nuova stampante 3D. Cosa potrete chiederci ora?

Dopo diversi anni durante i quali abbiamo affiancato i nostri clienti con lo scanner intraorale,

abbiamo deciso di investire e dotarci di una stampante 3D. Anzi, due!

Perché?

Sin dall’inizio delle lavorazioni da scansione intraorale avevamo capito il potenziale di questa tecnologia. Ci siamo accorti che le corone in zirconia monolitica erano sì il prodotto principe da richiedere con questo metodo di lavoro, ma non è il solo possibile!
Abbiamo sempre cercato di stimolare i medici che possiedono uno scanner intraorale per “spremere” sempre di più dallo strumento in cui hanno investito finanze e soprattutto tempo per l’apprendimento!

  • Spesso i medici con lo scanner intraorale eseguono sempre e solo lavorazioni semplici.
  • L’unico materiale che richiedono al proprio laboratorio è la zirconia monolitica.
  • Il ritorno dell’investimento non è rapido come pensavano.

 

E la stampante 3D cosa centra?

Da una scansione intraorale, con l’ausilio di un modello prototipato, ottenuto appunto grazie ad una stampante 3D, possiamo fornire al medico praticamente tutti i prodotti normalmente offerti con la pratica tradizionale:

  1. Nel caso di corone in settori estetici si possono fornire corone in ceramica stratificata, per ottenere effetti più naturali e caratterizzazioni impossibili con una zirconia monolitica.
  2. Nel caso di settori posteriori con molti elementi mancanti, o con dimensione verticale ridotta, è possibile fornire protesi in metallo-ceramica.
  3. Nel caso di lavori su impianti, è possibile richiedere perni monconi rettificati, perfettamente paralleli tra loro e cementare poi una protesi che può essere:
  • in metallo/ceramica
  • zirconia ceramica
  • in ceramica ibrida
  • composito stratificato.
    Questo quando produrre una protesi avvitata risulta difficile, antiestetico o addirittura non funzionale.

All’inizio abbiamo commissionato la produzione di modelli prototipati da fornitori qualificati, per valutare al meglio quale fosse la migliore tecnologia disponibile in commercio e per valutarne i benefici economici.

Da qualche giorno, grazie a Dental Club e alla ditta Feniqx, abbiamo inserito nel nostro reparto digitale anche due stampanti 3D. La principale, la XXXX della Shining e una accessoria per componenti secondari.
Con una produzione interna, abbiamo un maggiore controllo di tutti i processi, una maggiore rapidità di esecuzione e una flessibilità nella tipologia di prodotti impensabile pochi giorni fa.

Volete saperne di più sui materiali disponibili, sui processi esecutivi o semplicemente siete curiosi? Fissate un incontro presso la nostra nuova sala CAD-CAM. Avrete a portata di mano tutto il flusso digitale!

Vi aspettiamo,

Tutto lo staff del Laboratorio Zaramella Sas